TAP-LargeApplication-FullColor-200px.png

La dichiarazione di progetto delle alternative

Istruzione giustizia per la trasformazione sociale:

Un quadro d'azione

Noi sottoscritti crediamo che gli attuali accordi sociali, economici, politici ed educativi riproducano rapporti di potere che creano profonde ingiustizie e alla fine minacceranno la vita sul pianeta. Sosteniamo pedagogie alternative e sistemi educativi giusti e rigenerativi che sosterranno le trasformazioni sociali di cui abbiamo bisogno per creare un mondo più ricco, più equo e sostenibile.

Le crisi globali coesistenti e interconnesse stanno spingendo l'umanità e il pianeta vivente verso il collasso politico, sociale, economico ed ecologico. Queste crisi - attualmente viste nella pandemia mondiale del coronavirus, nelle disuguaglianze strutturali, nella brutalità e nel razzismo della polizia, nel patriarcato radicato, nell'accelerazione del caos climatico e nella costante minaccia delle guerre - sono guidate a livello globale dal capitalismo e dal militarismo. Dobbiamo cogliere questo momento storico unico per ripensare e cambiare radicalmente l'istruzione pubblica come punto di ingresso per trasformazioni più profonde che costruiranno la solidarietà e la cooperazione umana e porranno fine al razzismo, al patriarcato e al capitalismo. Respingiamo l'idea che la priorità dell'istruzione sia costruire il "capitale umano"; affermiamo che le priorità dell'educazione dovrebbero includere ecosistemi rigenerativi e ulteriore giustizia sociale per le generazioni attuali e future. Ciò richiede la creazione di sistemi educativi giusti, che possiamo realizzare solo come parte di una più ampia lotta per la trasformazione sociale in tutte le altre sfere, in particolare l'economia e la politica.

Le lotte progressiste sono necessarie per formare nuovi contratti sociali che servano gli interessi collettivi di molti piuttosto che gli interessi personali di pochi. La storia umana riflette una serie di transizioni sociali complesse e interconnesse modellate dalle relazioni di potere: dall'agrarianesimo all'industrializzazione, attraverso la conquista coloniale, le dittature autoritarie, il post colonialismo, la globalizzazione neoliberale e le rivoluzioni digitali e la collusione tra il capitalismo della sorveglianza e lo stato di sicurezza nazionale che vediamo oggi. Ogni nuova classe dominante produce un'ideologia che perpetua il suo dominio, giustifica le disuguaglianze che crea invariabilmente e promuove il pessimismo che il cambiamento è possibile. Queste egemonie ideologiche implicano quasi sempre l'adesione e creano sistemi educativi che rafforzano presupposti gerarchici e rigide concezioni binarie: umano / non umano, maschio / femmina, mente / corpo, secolare / spirituale, superiore / inferiore, urbano / rurale, noi / loro - che si assumono il diritto di conquista e di sfruttare il mondo naturale e tutte le specie viventi. I populismi autoritari, nativisti, patriarcali e coloniali contemporanei emergenti in tutto il mondo sulla scia della globalizzazione e le crescenti migrazioni dovute ai conflitti e ai cambiamenti climatici acuiscono queste opposizioni binarie e provocano insicurezze sociali per stringere la loro presa.

Oggi, i sistemi educativi in ​​tutto il mondo sono forgiati nella mentalità del capitalismo neoliberista e nelle idee di efficienza, tasso di rendimento, scelta, concorrenza e crescita economica. Questa ideologia offre alle ricche società sovranazionali e ai miliardari un potere sfrenato per rimodellare l'economia globale e i sistemi politici nazionali, perpetuando l'attività economica estrattiva, basata sul carbonio e con conseguente consumo incontrollato e degrado critico degli ecosistemi. Organizzati in questo modo, i sistemi educativi servono a rafforzare e legittimare la disuguaglianza sociale, la segregazione e la stratificazione all'interno e tra le nazioni. Tuttavia, per quanto rifletta le egemonie prevalenti, l'istruzione è anche un luogo cruciale di contestazione. Gli stati autoritari, ben consapevoli che l'istruzione può essere una forza di trasformazione, si muovono rapidamente per utilizzarla come uno strumento per garantire conformità e controllo.

Di conseguenza, per molti bambini e giovani, questo mondo è tetro. La qualità dell'istruzione che ricevono è sempre più segmentata dallo stato socio-economico e dall'ubicazione geografica delle loro famiglie. L'istruzione è sempre più organizzata in mercati competitivi che creano e consolidano le disuguaglianze razziali, di classe e di genere in cui fornitori privati ​​e appaltatori, nonché insegnanti e studenti competono e sono classificati su, efficienza dei costi e test standardizzati: un modello di istruzione mercificato fornito tramite budget pubblici limitati, concentrandosi su benchmark di risultato, formazione di capitale umano e tasso di rendimento economico e rapporto qualità-prezzo. Questo modello rafforza l'eccezionalismo umano, il pregiudizio razziale e la supremazia bianca, la denigrazione della differenza, la legittimazione delle disuguaglianze economiche e politiche, l'iperindividualismo, la crescita economica sfrenata, una ricezione acritica della retorica pubblicitaria e il rispetto del governo autoritario. Una conseguenza è la bizzarra contraddizione che la popolazione più istruita nella storia umana stia collettivamente innescando l'eco-collasso dei sistemi del pianeta vivente, un atto di suicidio collettivo ed ecocidio.

Negli ultimi trent'anni, il sostegno sostenuto dalla società civile e dai sindacati dell'istruzione ha spinto il mondo ad abbracciare il diritto all'istruzione e l'aspirazione all'istruzione per tutti: la scuola dell'obbligo si è espansa a livelli di scala senza precedenti, coinvolgendo quasi due miliardi di bambini ogni giorno. La maggior parte delle famiglie ora presume che completare gli 8-12 anni di scuola sia essenziale per il futuro dei propri figli e la maggior parte dei governi ritiene che fornire istruzione pubblica gratuita a tutti i bambini e ai giovani sia una sana politica pubblica. Ma non siamo neanche lontanamente vicini a raggiungere questo obiettivo. In parte, le ingiustizie strutturali più ampie causate dagli ultimi quattro decenni di fondamentalismo di mercato hanno portato a una sostenuta sottoutilizzazione del settore sociale e denigrato tutte le attività del governo come "inefficaci" e "dispendiose". Di conseguenza, il finanziamento dell'istruzione è stato deplorevolmente inadeguato e sono necessari ed è possibile molti più finanziamenti da parte dei governi nazionali e delle organizzazioni internazionali bilaterali e multilaterali.

Non è che non ci siano soldi; i governi trovano sempre soldi da spendere per l'esercito, la polizia, la sicurezza e la sorveglianza e il benessere delle aziende. Per affrontare questa ideologia, dobbiamo esporre la scarsità come un mito e l'austerità come una scelta politica deliberata per guidare l'agenda per la privatizzazione neoliberista.

Mentre gli obiettivi di spesa per l'istruzione riflettono un consenso globale, la maggior parte dei governi non raggiunge nemmeno l'obiettivo di spendere il 20% del proprio budget e il 6% del proprio PIL per l'istruzione. La comunità internazionale ha promesso per decenni di spendere lo 0,7% del proprio PIL in aiuti pubblici allo sviluppo, ma assegna solo una frazione di questo. E tutti questi obiettivi sottovalutano notevolmente la necessità.

Dobbiamo vincere questi argomenti nella sfera pubblica. Il problema va oltre il finanziamento. Le istituzioni finanziarie internazionali - come il FMI e la Banca mondiale - sono istituzioni neocoloniali che promuovono le cosiddette politiche del Washington Consensus in tutto il mondo. L'FMI ​​e la Banca mondiale hanno avuto un ruolo importante nell'influenzare la politica educativa (e altre politiche sociali). Invece di sostenere l'istruzione, la FISM limita effettivamente la spesa del paese per l'assunzione di insegnanti e altri lavoratori del settore pubblico. La Banca Mondiale finge di essere una fonte di consulenza oggettiva basata sulla ricerca, ma negli ultimi quattro decenni ha basato le sue raccomandazioni sulla sua ideologia neoliberista. È giunto il momento per una nuova conferenza di Bretton Woods di prendere in considerazione un'importante revisione del FMI e della Banca.

Chiediamo un cambiamento radicale. Tutti i governi devono istituire un'istruzione pubblica gratuita fin dalla prima infanzia attraverso l'istruzione superiore che consentirà una rivalutazione critica, partecipativa e democratica di come pensiamo e agiamo insieme nel mondo. Per offrire l'istruzione come un diritto umano sono necessari sistemi pubblici interamente finanziati, finanziati in modo sostenibile attraverso sistemi fiscali progressivi e ridistributivi nazionali e globali, con l'assistenza incondizionata della comunità internazionale. Il curriculum dovrebbe rifiutare attivamente la docile complicità del consumatore che alimenta il riscaldamento globale e la catastrofe climatica. Radicata nella comunità, l'educazione deve essere culturalmente rilevante e promuovere i valori umanistici di antirazzismo, antisessismo, solidarietà, coesione sociale, empatia, immaginazione, creatività, realizzazione personale, pace, gestione rispettosa dell'ambiente e rafforzamento della democrazia. Gli insegnanti hanno bisogno di autonomia professionale, condizioni di lavoro di qualità e, attraverso i sindacati e altre organizzazioni, una voce importante nel processo decisionale. Allo stesso modo, anche gli studenti e le loro organizzazioni rappresentative devono avere voce nel processo decisionale politico e pedagogico, avendo il loro diritto alla partecipazione pienamente riconosciuto.

Il mondo ha bisogno di una revisione radicale dell'istruzione che aiuti a trasformare e creare società rigenerative. Ciò richiederà un nuovo contratto sociale che valuti la spesa sociale al di sopra delle spese militari e di sicurezza e vada oltre gli interessi ristretti del settore imprenditoriale, delle imprese Edtech, delle catene di scuole private e di altri attori dell'edu-business. Chiediamo di invertire il movimento verso la privatizzazione dell'istruzione e di altri servizi sociali e di mantenere la logica aziendale fuori dall'istruzione e dalla definizione delle politiche sociali.

Attingiamo invece alle lotte e alle lezioni di studenti e insegnanti organizzati, del movimento sindacale nel suo insieme, di organizzazioni democratiche basate sulla comunità - comprese le associazioni di minoranze, migranti e rifugiati - nonché di media, organizzazioni e professionisti indipendenti che condividono il nostro impegno per promuovere la giustizia nelle società viziate e reali in cui viviamo. Questi gruppi hanno già sviluppato alternative per la giustizia educativa, comprese scuole e programmi di educazione non formale che supportano la sovranità socialista, indigena e nera del 21 ° secolo, il decolonialismo, la questione della vita nera, l'abolizionismo e la pedagogia critica.

La giustizia nell'istruzione dipende dal progresso degli obiettivi relativi alla giustizia in quattro aree:

1. Giustizia sociale - Costruire l'educazione per l'equità, la trasformazione e la vita rigenerativa.

I sistemi educativi devono riorientarsi verso affrontare le disuguaglianze e le ingiustizie nelle loro società, promuovendo la giustizia razziale, di genere e della disabilità e modelli di inclusione che insegnino come lavorare collettivamente e guidare la trasformazione dell'istruzione e della società.

2. Giustizia climatica - Imparare a vivere in modo rigenerativo sul pianeta

Abbiamo bisogno di un Global Green New Deal e di sistemi di istruzione pubblica che insegnino l'ecologia umana ei valori di amministrazione che faciliteranno questa trasformazione sia ora che in futuro.

3. Giustizia economica - Finanziare l'istruzione e altri servizi pubblici in un'economia trasformata

Il sistema economico deve soddisfare i bisogni reali di tutte le persone concentrandosi su equità e opportunità, non sul profitto. Questa pandemia deve segnare un passaggio fondamentale dal capitalismo e verso la democrazia sul posto di lavoro e un'economia radicalmente ridistributiva che dia la priorità alla tassazione progressiva e alla spesa progressiva per i servizi pubblici per tutti, a livello nazionale e globale.

4. Giustizia politica - Riorganizzare l'impegno politico a tutti i livelli

Dobbiamo allontanarci dall'autoritarismo e dal nazionalismo xenofobo. Dobbiamo stimolare la solidarietà globale, coltivare la cooperazione internazionale e rafforzare i movimenti di base intersezionali globali. Dobbiamo sviluppare democrazie più inclusive e partecipative a livello locale, nazionale e globale.

Queste idee iniziali non indicano un miraggio lontano e utopico; piuttosto si basano sui pensieri e sulle azioni di molti gruppi e organizzazioni progressisti in tutto il mondo. Noi sottoscritti consideriamo queste idee per una radicale rivisitazione dell'istruzione e della società come direzioni necessarie per contrastare e superare le gravi crisi che il pianeta sta affrontando.

PDF in inglese